LazioSIBA on Tour

Artisan – Roma: gli Artigiani della Qualità .. in Via degli Aurunci 9, a San Lorenzo ..

 

 In principio era Artisan Club, ma oramai da un pezzo è più che sufficiente Artisan. In italiano è Artigiano .. e se la birra è artigianale, il birraio è per l’appunto un artigiano. Ma il publican? Un buon publican è il suo migliore sponsor .. che le sue birre gestisce, presenta, spilla a dovere .. e soprattutto le fa bere ..

Siamo a Roma, nel popolare e vivace quartiere di San Lorenzo. Tanto “vivace” che su indicazione della Questura, il Campidoglio ha deciso di anticipare alle 21:00 il divieto per il consumo all’aperto di alcolici, in contenitori di vetro e non. Non è una novità che la movida da queste parti – tra shottini selvaggi e Tennent’s da battaglia – si trasformi spesso in uno scempio. Mettiamoci pure qualche fenomeno di più marcata illegalità .. e il rischio è quello di buttare via il bambino insieme all’acqua sporca ..

Naturalmente non ci troviamo in questo quartiere per parlare di acqua (men che meno “sporca”), ma per far visita a uno dei più interessanti locali birrari indipendenti del circuito capitolino. Locali che non penalizzano ma valorizzano .. e la birra artigianale in qualche modo c’entra ..

«Ovvio che non siamo artigiani, ma sosteniamo comunque ogni forma di artigianalità, a partire dalle birre: locali, nazionali e internazionali. Ci piaceva questo nome .. tanto più che il Prairie Artisan Ales è un birrificio dell’Oklahoma che con le sue originali Saison affinate in botte, è da sempre tra i nostri preferiti» ..

Da sempre quando? Emanuele Repetto e Giuseppe Ricciardulli inaugurano l’Artisan il 24 maggio 2014, dando sostanza a una passione già in atto da anni. Ed è così che i due giovani titolari dimostrano di saperci fare sin da subito, meritando apprezzamenti all’interno di un circuito – quello romano delle birre artigianali – per lungo tempo più “avanti” rispetto alla media nazionale, anche se piuttosto “convulso” ..

Passione, lavoro, studio, ricerca .. e la giusta accoglienza: così è nato e cresciuto l’Artisan. «Probabilmente negli ultimi 10 anni sarò passato più dal ‘Macche’ che da casa di mia nonna. Perché la mia esperienza con le birre craft è più o meno partita da qui e dal ‘4:20’ di Alex (Liberati) .. senza dimenticare due bottle shop storici come il Johnny’s Off License e il Gradi Plato» .. prosegue il publican. «Vero pure che se non ci fosse stato il mio socio (Giuseppe) a propormi di imbarcarci in quest’avventura, magari starei ancora cercando di fare il grafico. Però è meglio così. Siamo contenti di ciò che stiamo facendo» ..

Fuor di dubbio che al centro dell’universo Artisan ci siano innanzitutto le ottime birre .. per qualità, varietà e originalità dell’offerta. Ugualmente significativa la selezione di liquori artigianali e whisky. In cucina (priva di canna fumaria) si lavora fra l’altro con precotti sottovuoto. È un Tex-Mex a base di nachos e tacos, sandwich e panini, pulled pork e ribs al piatto, fresche e colorate insalate. Non abbiamo avuto il tempo di assaggiare niente, ma gli habitué ci dicono che qui si difendono bene anche col cibo ..

Il locale ha uno stile “garage” tendenzialmente “artigianale” come le birre .. con parquet grezzo e sedute quasi esclusivamente costituite da sgabelli – al banco o attorno ai tavoli della seconda sala – in linea con lo spirito “conciso” del posto. Il bagno ovviamente c’è .. pur mimetizzandosi dietro allo sguardo di due grandi occhi che si levano dal mare (non sappiamo chi sia l’artista del murales, ma complimenti) ..

Cuore pulsante del pub .. l’impianto mescita a destra dell’ingresso. Il recente investimento sull’imponente cella frigo dislocata poco più avanti, sancisce la definitiva consacrazione qualitativa del locale. Temperatura tra i 6 e gli 8 gradi. Dosaggio di CO2 “consapevole” .. comunque supportato da un sistema di elettropompe che favorisce la spinta delle birre dai fusti stoccati in cella alle 12 colonnine alla spina (più un’Angram) ..

«La regola è una birra per birrificio. Abbiamo sempre un sidro, tre tipologie di ‘acide’, Strong Ale come Imperial Stout, Barley Wine e tanto altro ancora. Nei primi mesi dopo l’apertura, la selezione era esclusivamente incentrata su prodotti del Nord Europa. Oggi diamo anche spazio alle ottime realtà brassicole locali (a partire dagli amici di Eastside Brewing), ma cerchiamo sempre di scoprire qualcosa di nuovo all’estero .. peraltro favorendo collaboration brew tra birrai del posto e stranieri» ..

Fuori piove. Rimarremmo volentieri a confonderci al banco, a tu per tu con le tante spine (oggi da segnalare le brillanti e fruttate Sour Ale di Cool Head e Garage Beer), ma la serata continua. Certo è che Emanuele e Giuseppe hanno decisamente le idee chiare. Le avesse anche il Comune su come risolvere i problemi di questo quartiere, sarebbe ancora più bello. Forza San Lorenzo e lunga vita all’Artisan ..

[siba: best indi!]

 

Tags

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close