SIBA on TourVeneto

Avvistata “Anatra Ubriaca” anche a Noventa. Ma di cognome fa BIRROteca ..

 

Il grande Vanni del The Drunken Duck di Quinto (Vicentino) sa bene che per fare un grande pub non bisogna saper scegliere solo le birre, ma anche e soprattutto le persone. La squadra. I collaboratori e a maggior ragione i soci. Ebbene, per il nuovo “pulcino d’anatra” (ma già abbastanza “alticcio”) di Noventa non ci poteva essere miglior partenza .. perché possiamo anche non capirne molto di birre, ma se una persona che sta dietro al banco mescita è “ossidata”, la sgamiamo subito ..

La BIRROteca – The Drunken Duck è dunque la seconda “Anatra Ubriaca” di ciò che nel tempo potrebbe anche diventare uno “stormo”. A poco più di un anno dall’inizio del “volo” (25/05/2015) se ne sta parlando solo bene e noi confermiamo l’ottima impressione ..

Certo che avere alle spalle una realtà di successo come quella di Quinto non è cosa da poco .. ma comunque non basta. Potrebbe addirittura risultare una presenza ingombrante. Ancor meno scontato brillare di luce propria, caratterizzarsi, far parte dello “stormo” ma con un “volo” del tutto originale ..

Noventa Vicentina. Primo pomeriggio. Il caldo è spietato da giorni. Non siamo neppure passati a rinfrescarci nel “mitico“ Key Hotel (?) dove passeremo la prossima notte. Da Noale (VE) abbiamo puntato direttamente al “Drunken Senior” .. e ora eccoci al “Drunken Junior”, la BIRROteca di Enrico Birro, al nostro solito orario inconsueto. Fortunatamente il publican è già sul posto ..

Enrico è una persona estremamente simpatica, disponibile e preparata. Un inizio da homebrewer e assiduo frequentatore del The Drunken Duck di Quinto .. dove inizia a distinguersi non solo in “bevute”, ma anche in .. “cotte”! C’è il Drunken Festival, nonché tappa del Campionato Italiano Homebrewing organizzato dal MoBi .. e una sua birra riesce a piazzarsi nei primissimi posti ..

Non sarà l’unica soddisfazione .. perché più tardi arriverà la chiamata di Vanni Borin con la proposta d’aprire un locale assieme, sotto l’”egida” (anche distributiva) del TDD. Enrico faceva tutt’altro .. ma non ci ha pensato un attimo (o non più d’un attimo). A chi non piacerebbe trasformare una viscerale passione in un lavoro, a maggior ragione se in società con una persona che sta già tracciando una strada importante in quest’ambito?

L’idea non è certo quella di creare un clone del locale di Quinto. Al contrario: personalità del gestore e specificità del territorio. Di comune c’è solo la .. filosofia portante: far le cose per bene. Impianto per 10 birre sempre in rotazione: 8 vie a CO2 e 2 a pompa. “Refrigerio” appena sotto i rubinetti. Particolare risalto ai birrifici italiani e magari anche veneti, come Rattabrew, Mastino e Sancolodi. Cucina “senza strafare” ma con ingredienti d’alta qualità, come la carne della Macelleria Tolin ..

Il locale non è grande ma neppure piccolo, nel senso che oltre ai diversi tavolini e sgabelli all’interno (con aria condizionata) c’è anche uno spazio in strada, con siepi e sacchi di .. “malto pilsen”, a delimitarne il perimetro del ristoro. Lay-out piacevole, “leggero”, colorato, accogliente .. da Birroteca. Ovvero la La BIRROteca – TDD, di Enrico Birro e C.

Da segnalare il Nova Beer Festival di questi giorni (29-30-31 luglio), ma ancor più importante l’appuntamento del 7 agosto “In cima per la solidarietà”, per l’originalità dell’idea e ancor più per gli scopi benefici dell’iniziativa (dettagli sulla pagina Facebook del locale).
I grandi pub e le grandi persone si vedono anche o soprattutto da appuntamenti come questi ..

[siba: best indi!]

Tags

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close