Emilia RomagnaSIBA on Tour

Red Rooster Pub – Argenta: “sas fal a non la checa”… basta che si beva bene!

2016

“I am the little red rooster / too lazy to crow for day / keep everything in the farm yard / upset in every way”… e intanto si vede poco e niente, tagliando per la campagna che da Argenta ci riporta a Bologna!

Banchi di nebbia che vanno su e giù come passaggi glissati da un metallico effetto bottleneck, scivolando sulla tastiera di una chitarra blues. Bocca ancora invischiata nel gran finale d’una bottiglia di Visciole al Sole, dei superlativi artigiani della birra di MC77 (Caccamo – MC)…

“Sono il piccolo gallo rosso / troppo pigro per cantare di giorno / lascio dappertutto in disordine / nel cortile della fattoria”. Non può che essere la strofa di un catartico pezzone blues (guarda caso… The Red Rooster), portato alla ribalta da sua maestà Chester Arthur Burnett – in arte Howlin’ Wolf – ma forse più famigliare nelle successive versioni dei Rolling Stones o dei Doors. Niente cd o mp3 in macchina, il sound è tutto in testa… favorito dall’abbondante bevuta, di ritorno dal Red Rooster di Claudio Galletti, che con i suoi pregiati nettari alla spina e in bottiglia stasera ci ha incantato.

Eppure metà dei 10 rubinetti era scarica, in attesa del festone di Galloween. Dunque? Dunque non ce ne siamo nemmeno accorti, se è vero com’è vero che a fine serata avevamo incastonato le seguenti gemme: (1) Poggio Nero, Stout del Birrificio Valsenio di Casola V. – Ravenna (di cui non avevamo mai assaggiato niente prima d’ora); (2) Figu Morisca, Blanche al fico d’india de Il Birrificio di Cagliari; (3) Kriek Brut 2015 in bottiglia, Sour Flemich Ale di Liefmans (Duvel-Moortgat); (4) Oude Kriek á l’Ancienne 2013 in bottiglia, Lambic Style di Brouwerij Boon; (5) Visciole al Sole in bottiglia, Sour-Fruit di MC77. O vogliamo parlare delle due Stille Nacht, arcinote Belgian Strong “di Natale” (De Dolle)… date al lavandino perché “non proprio in forma”?!

Alla faccia della serata defaticante! Dopo i vari “rewind” di ieri sera a salutare gli amici di Modena, oggi – 30 ottobre – grande accoglienza anche al Red Rooster Pub di Argenta, inaugurato nel maggio 2010 in quel di Lugo, per poi traslocare 25 Km. a nord, in data 20/03/2016.

Claudio Galletti, per gli amici “il Gallo”. La moglie che di cognome fa Rossi. Ecco venir fuori il nome Red Rooster (Gallo Rosso)… partito 6 anni fa con impianto in comodato, per passare a birreria indipendente dopo un paio di stagioni. Aggiungiamoci la cella frigo per lo stoccaggio dei fusti, più una settantina di etichette “non scontate” in bottiglia (Lambic, Sour-Wild, Barley Wine ecc.)… e il resto del servizio lo farà il publican (coadiuvato al banco dal figlio Tiberio) con competenza e dedizione.

L’approvvigionamento porta a un mix di rapporti mediati (distributori) e diretti (birrifici), fra cui spiccano diverse collaborazioni consolidate, come quelle con Almond ‘22, MC77, Cagliari, Valsenio, Rattabrew, Borderline... solo per citarne alcune. Oltre alle birre, disponibile anche un’interessante proposta di grappe, whisky, rum, tequila, mezcal… o volendo chiuderla con una Bialetti, si potrebbe arrivare a una moka che bolle e profuma l’aria del suo inconfondibile aroma di caffè (non proprio consuetudine da pub).

Nella retrostante cucina, la moglie Daniela è alle prese con bruschette, panini, piadine tradizionali, alla zucca o bio (con olio EVO e yogurt bio, senza strutto), farcite da salse, giardiniere, salumi, formaggi… anche qui senza ricorrere ai prodotti della “grande industria”.

Nel frattempo il publican mesce, assaggia, consiglia… seguendo con il labiale l’ascolto di intramontabili pezzi rock, che danno definitivamente all’ambiente il suggello del pub “di razza”.

Magari solo un consiglio: lasciate la fretta fuori da questo posto… non farebbe per voi. Qui c’è bisogno di tempo. Tempo per spillare, per bere, per chiacchierare, per godersela. E poi, come dice il buon “Gallo”… “sas fal a non la checa?” (che ce ne importa a noi della ressa?). Basta che si beva bene!

[siba: best indi!]

Red Rooster Pub

Tags

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close