MarcheSIBA on Tour

Ludwig Strasse: il viale reale che dalla Baviera porta a Castelraimondo ..

 

A14 Adriatica, da Nord a Sud. Uscire ad Ancona e procedere per Fabriano, sulla SS76 della Val d’Esino. Seguire per Matelica, scaricando i bagagli in uno pseudo-hotel .. che poi ci lascerà fuori la notte (?!?). Tempo “tecnico” per una doccia e si ritorna in macchina. Ancora qualche chilometro e siamo arrivati ..

È il Ludwig Strasse di Castelraimondo. Subappennino marchigiano. Alta Valle del Potenza. Provincia di Macerata. Non proprio “di mano”, ma ciò può far solo aumentare la sete ..

Questa tappa era già in cantiere da un pezzo. Ci è stata consigliata da tanti. Si trattava solo di trovare l’itinerario giusto ..

Quasi 20 anni di attività. Stessa gestione e stessa location. Prende il posto di un ristorante da cui eredita un’ampia e attrezzata cucina. Classico ambiente da pub, di legno vissuto e luci soffuse. Più di un dettaglio porta in Baviera, a partire dal nome ..

Di Ludwigstraße in Germania ce ne sono in effetti parecchie. La più importante è senza dubbio il viale reale nella città di Monaco, sempre in onore di quel Ludwig I di Wittelsbach – re di Baviera – “promotore inconsapevole” della più grande e famosa festa della birra di tutti i tempi. I festeggiamenti per il suo matrimonio, nel 1810, vengono infatti considerati la 1^ edizione dell’Oktoberfest . Al nipote Ludwig II si deve invece la realizzazione di alcuni celebri castelli di Baviera, fra cui il fiabesco Schloss Neuschwastein. I riferimenti sembrano essere questi ..

«Proprio così. Ci piaceva il nome e ci piacevano ‘questi Ludwig’ che avevano lasciato un segno nella storia .. tra birra e castelli» .. ci spiega Lucia. «Quando mio fratello e Mirko aprirono questo pub il 10 febbraio 1999, di birra artigianale non ce ne era quasi traccia .. e i marchi dei grandi birrifici bavaresi andavano per la maggiore anche nella distribuzione. Allora spillavamo Paulaner ecc. con impianto in comodato d’uso. Le ‘artigianali’ sono arrivate diversi anni dopo .. anche grazie al particolare interesse di Riccardo, che nel frattempo da dipendente era diventato socio» ..

Oggi i titolari del Ludwig Strasse sono Mirko Rossetti, Lucia Severini (divenuta moglie di Mirko) e Riccardo Orazi. Quest’ultimo inizia a lavorare nel “Ludwig” nel 2003, per entrare in società 10 anni più tardi. La sua passione per il mondo delle birre artigianali ha indubbiamente accelerato il “cambio di rotta” sulle 7 spine del locale (di proprietà dal 2007) ..

Esce Mirko dalla cucina .. e gli chiediamo subito una dritta su dove andare a pescare nella ricchissima carta food. I piatti di Tex-Mex hanno un notevole successo .. ma alla fine ci lasciamo tentare da un classico bavarese (würstel, crauti, brezel e patate fritte) e un gustoso hamburger di maiale delle Fattorie Biologiche Scibè di Grottazzolina (FM) ..

Sull’impianto spine, cinque delle sette proposte di questa sera sono italiane .. per lo più marchigiane. Si parte con una fragrante e dissetante Helles Hausbier brassata da Mukkeller per il locale. Poi è la volta di due “primaverili spremute aromatiche” come Punto (Session IPA) e Breaking Hops (DIPA) dei “vicini di casa” di MC77 .. per concludere con un altro autentico capolavoro, come la Blue Velvet (Robust Porter) di Godog (Jesi). Bevute impeccabili e di grande freschezza. La vicinanza della produzione alla mescita, di norma, è sempre un valore aggiunto ..

E a proposito di vicini di casa .. stasera anche Matteo e Cecilia, del birrificio MC77 di Serrapetrona, sono a far visita ai loro amici del “Ludwig”. Una buona occasione per salutarli e scambiare due chiacchiere ..

Bevute e chiacchere al bancone, mentre il locale si riempie .. tra una prima saletta in fondo all’ingresso e una seconda più interna. Da annoverare anche un  grazioso gazebo estivo che affaccia sulla via principale del paese ..

C’è ancora tempo per una sbirciata alla cella refrigerata del piano inferiore. Il dislivello tra fusti e rubinetti potrebbe anche comportare un’eccessiva saturazione della birra (contenuto di CO2), ma l’impianto è comunque supportato da pompe elettriche di risalita .. senza contare che Riccardo sa bene dove mettere le mani, lavorando al meglio sulla “contropressione” (pressione del gas applicata all’impianto) anche in base alle caratteristiche dei vari stili da andare a spillare ..

In questo pub non manca niente .. e soprattutto non manca il calore genuino dei titolari, che nonostante le fatiche di un lavoro affatto semplice, mantengono il necessario entusiasmo ..

Una bella serata. Davvero una bella serata. Chi l’avrebbe mai detto che da un famoso viale reale di Monaco di Baviera si potesse arrivare a Castelraimondo?

[siba: best indi!]

Tags

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close