Emilia RomagnaSIBA on Tour

Arrogant Pub: quando l’arroganza si fa etica… tracciabile e sostenibile.

Arrogant Pub _ Stazioni di Birra _ archivio 2023

 

“Podere Elisa presenta… Arrogant Pub, birroteca con cucina. Inaugurazione sabato 28 febbraio dalle ore 17 in poi. Sarà presente il mastro birraio del Birrificio Italiano, Agostino Arioli, che per l’occasione porterà un fusto a caduta da 75 litri di Tipopils. Arrogant Pub, Via Fattori 1, Scandiano (RE). Sala superiore del Central Perk Bowling”… questo recitava la locandina di allora!

Era il 2009, nasceva l’Arrogant di Alessandro Belli ed Elisa Migliari… già impegnati da anni nella ristorazione – e con le birre artigianali “del tempo” – in località Bettola, Podere Elisa, pochi chilometri a sud di Vezzano sul Crostolo.

A proposito dell’Arrogant di Scandiano… in un “Asino Day” di qualche anno fa, Alle ci disse: «I primi 6-7 mesi furono un dramma… poi ‘declassato’ a stato di sofferenza. La vera svolta fu a Reggio».

L’inaugurazione del “nuovo” Arrogant Pub avvenne a fine aprile 2012, zona Canali, periferia sud del capoluogo reggiano. Il vessillo dell’indipendenza fu subito uno dei capisaldi del locale, rimarcato da eventi pioneristici (2011-12) noti come United Indi Pubs (organizzati assieme ad altri pub/publican di primissima fascia, di allora e fortunatamente di oggi)… per poi dar vita – a partire dal 2013 – alla 1a edizione dell’Arrogant Sour Festival, evento che negli anni (soprattutto quelli del Chiostro della Ghiara) ha contribuito non poco alla definitiva consacrazione del pub di Reggio e del suo fondatore.

Tante incredibili iniziative; tanti memorabili momenti; tanti fortunati incontri (uno su tutti, quello con Justin Hawke di Moor Beer – Bristol UK)… ma i successi dell’Arrogant non sono solo legati al grande – anzi grandioso – lavoro fatto con birre “acide” e non (nessuna somministrazione di vini!).

La cucina – e tutto quello che c’è dietro – merita infatti un capitolo a parte, con vari approfondimenti… vedi l’appassionata ricerca di ingredienti e prodotti legati al territorio, nell’ambito di un approccio etico e sostenibile; la lucida scelta di puntare su vacche autoctone, acquistate intere da allevatori locali, andando a proporre e valorizzare anche i tagli meno nobili (quinto quarto ecc.); la gestione di materie prime lavorate direttamente all’interno, nel laboratorio adiacente al pub (pane, pasta, dolci); ecc. ecc.

I progetti condivisi e in corso d’opera “StayAppennino”RÈZ Quality FoodSlow Cooked; l’ingresso dei nuovi soci – già dipendenti – Amanda e Vincenzo… la storia dell’Arrogant Pub è talmente ricca di eventi, che si potrebbe scrivere un libro. Un libro a cui – ne siamo certi – mancano ancora parecchi capitoli… perché la squadra dell’Arrogant rimane un fiume in piena, sempre e comunque al motto di #stayfree #stayarrogant.

21 settembre 2023. Ci mancavamo da un po’ ed è stato bello tornarci. Per dovere di cronaca… bevute nell’ordine:

– Revival, Hoppy Pale Ale di Moor Beer;

– Spaceman Arrogant Ed., West Coast IPA di Brewfist (ad accompagnare piatto di bietole lunghe bio Az. Agricola Villa Canali; formaggio 4.7 Az. Agricola Foradori; coppa lardellata di maiale nero; sciroppo d’acero);

– Birra Madre – Arrogant Blend #2, Sour di Menaresta (ad accompagnare crostatina con cioccolato e pere);

– Stout di Moor Beer.

Passione. Professionalità. Lavoro (tanto). Energia. Creatività. Convivialità… ma soprattutto – come più volte detto e scritto da loro – una grande famiglia, fatta di relazioni umane ed emozioni. Ecco, l’Arrogant è una grande famiglia… e questa è la migliore sintesi.

[siba: best indi!]

https://www.stazionidibirra.it/listing/arrogant-pub/

Tags

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close