SIBA on TourSicilia

In Via Giovan Battista Perasso, a Siracusa, un “negozio di birra” che diventa “locale”. Il Civico? Maltato ..

 

La nostra prima a Siracusa, non solo in quanto a birra. Sicché, prima di tutto .. rendiamo onore a Ortigia. «Di Alfeo ultima dimora / Ortigia, gloriose radici della potenza di Siracusa / Culla allora di Artemide / Da te, o sorella di Delos, si innalzi il canto / Addolcendo a prezzo alto […]». Frammento delle Odi Istmiche (Istmi..che??) di Pindaro (518-438 a.C.). Per quanto se ne sia capito, come “intro” ci piaceva .. 

Il freddo e forte vento di Grecale limita invece il piacere del giro a piedi, seppur la barocca Piazza Duomo lasci comunque senza fiato. E se poi a mancare dovesse essere altro tipo di ”fiato” .. il beer shop di Alessandro Ebbanietti non è certo distante dai ponti che collegano l’isola di Ortigia alla terraferma. Il tempo di trangugiare un gustoso panino tonno e provola in un minuscolo ma confortevole alimentari alle spalle del Duomo .. ed eccoci in Via Giovan Battista Perasso, a completare con una buona birra. Il Civico? Maltato ..

A Siracusa come “Re Magi” guidati da una buona stella .. perché qui, a stretto giro, verrà alla luce un pub con impianto di proprietà a 8 vie e annessa cella refrigerata, per tenere i fusti a temperature consone e costanti. È il primo locale birrario indipendente in questa città dalla storia millenaria .. gestito e garantito da uno che di gavetta ne ha fatta non poca, essendo stato tra i primi qui in Sicilia a credere in quella “craft revolution” che oggi grazie al cielo non ha più status di “Carboneria” neppure a queste latitudini ..

Re Magi a parte .. avevamo già sentito Alessandro prima di intraprendere questo viaggio, intuendo subito che avrebbe potuto aiutarci a capirne di più riguardo a birre, microbirrifici e locali birrari in Sicilia. Tanto più che il beer shop che gestisce da quasi 4 anni inizia a stargli stretto .. e a breve il suo Civico Maltato diventerà, come già detto, un pub a tutti gli effetti .. 

“Bevo birra da sempre .. sino a prender progressivamente coscienza che c’è birra e birra” .. ci dice il nostro interlocutore, nonché ex tecnico informatico. “Fra i vari step di avvicinamento ci metto un soggiorno a Londra tra il dicembre del 1999 e il luglio dell’anno successivo; poi ricordo una Reinaert Grand Cru (De Proef) tra le prime bevute di un certo livello; ricerche su Web e cartaceo per saperne sempre di più in quanto a stili, tecniche di produzione e compagnia bella; così come fondamentali per i miei assaggi sono stati due beer shop, in periodi in cui reperire birre di qualità non era cosa così scontata: lo storico Johnny’s Off License di Roma (operativo dal 2004) e il più recente Top Beer di Catania (2011). E proprio a queste due realtà ho fatto in qualche modo riferimento quando decisi anch’io d’iniziare quest’avventura, inaugurando il 21/04/2013” ..

Alessandro ci racconta la sua storia e noi come sempre ascoltiamo attentamente. La Grìgna, Pilsener di Lariano, che vien giù da spillatore mobile con potenziali 4 rubinetti (oggi gli “attacchi” sono due .. con un secondo fusto di Freeride, del Ducato), fa da apripista alla bevuta di questa sera. Con una Juta (Porter) in bottiglia, andremo successivamente ad apprezzare una delle creazioni più riuscite del birrificio Yblon di Ragusa (purtroppo non era disponibile la tanto decantata Timpa). Il bicchiere di plastica di ordinanza .. per una volta si può tollerare, senza contare che per gli habitué notiamo del “vetro privato”, giustamente custodito a parte. Ci fosse stato qualche “appoggio” e sedia in più, non sarebbe peraltro stato male. Ma oramai il pub è alle porte .. 

“Son partito con orari da negozio, per poi rendermi conto che in questa maniera a Siracusa non funzionava. Allora mi sono adattato agli usi e costumi dei miei concittadini, aprendo dalle 19 a mezzanotte .. e anche oltre. Soprattutto in estate la città si riempie di turisti, tra cui parecchi beer lovers stranieri .. e così diventa ancora più interessante. Ora però è arrivato il momento di cambiare pelle, passando a una nuova sfida: il Civico Maltato Pub. Stessa location e ovviamente stessa filosofia: non pastorizzata, né filtrata. Otto vie con cella refrigerata. Ci sarà del finger food e poi si vedrà” ..

“Eureka!” .. avrebbe esclamato quel genio di Archimede, cui questa città ha avuto l’onore di dare i natali ben oltre 2000 anni fa. Ora abbiamo un motivo in più per tornare quanto prima da queste parti. In uno degli ultimi lembi d’Italia, prima del “gran baccano d’Africa e d’Oriente”, sta nascendo infatti una nuova “stazione di birra” che terremo certamente presente. Di Alessandro ci fidiamo ..

[siba: best indi!]

Tags

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close