AbruzzoSIBA on Tour

La Pecora e il Luppolo: birra e arrosticini, tra Gran Sasso e riviera ..

 

 Gran Sasso che ci lasciamo alle spalle e litorale adriatico a pochi minuti di macchina. Sulla Statale 80, tra Teramo e Giulianova, c’è un cartello che conosciamo bene .. con quel simpatico ovino e il richiamo esplicito a ciò che stiamo cercando ..

La Pecora e il Luppolo. Già il nome è una perfetta sintesi di quanto propone il locale: i mitici arrosticini abruzzesi e delle ottime birre ..

Qualche centinaio di metri in salita e siamo arrivati .. meglio dire tornati. Una sintesi non spiega mai tutto .. come ad esempio la splendida vista che si può ammirare seduti in veranda, magari con il beneplacito di una luna questa sera “abbondante” ..

Non è un ristorante .. ma si mangia bene. Non è un pub .. ma si beve bene. La Pecora e il Luppolo è “semplicemente” il nostro buen retiro quando passiamo da queste parti ..

Siamo nel comune di Mosciano Sant’Angelo, in località Selva Piana. L’inaugurazione è del 18 dicembre 2011. I soci sono inizialmente due e l’esperienza non manca .. con Elio Di Felice (oggi unico titolare) che ha già avuto modo di avviare e gestire un altro posto qui in zona, che merita altrettanto: L’AgriPub Opperbacco in Contrada Casarino, a Notaresco ..

«La passione per la birra? Tutta ‘colpa’ dei miei zii del Belgio. Ricordo ancora la prima bottiglia di La Chouffe Blonde, poco più che adolescente. Da quel momento iniziai a intuire che c’è birra e birra .. ma prima che tutto ciò si tramutasse in lavoro, ci volle ancora del tempo» ..

Su questo belvedere il tempo sembra sospeso. La veranda. Il panorama. La prima birra in tavola, in attesa del formaggio fritto. Le polpette uova, cacio e luppolo (!) .. preludio a ciò che proprio non può mancare: gli arrosticini. Spiedini di filetto di pecora (artigianali anche questi), cui affianchiamo un contorno di cicoria saltata in padella ..

La Pecora e il Luppolo è un locale birrario indipendente sin dal 2011. Cosa vuol dire indipendente? Che l’impianto spine è di proprietà (e non in comodato d’uso) .. dunque il padrone di casa ci “attacca sotto” cosa gli pare, comprando sia da distributori che – quando possibile – direttamente dai birrifici ..

«I fornitori sono importanti. A pochi chilometri da qui c’è l’amico Loreto Lamolinara di Berebene (ex Birre Artigianali), con cui ho sempre avuto un buon rapporto. Ma mi piace comunque fare di testa mia .. scegliendo qua e là e dando anche fiducia a qualche piccola realtà locale che ancora non ha uno ‘storico’ in termini di qualità e costanza. Certo che è un rischio .. ma qualche tempo dopo è bello vedere che c’hai azzeccato» ci dice Elio ..

«In questo periodo mi piace in particolar modo lavorare con due birrifici oramai affermati come Bibibir (Villa Zaccheo – Petriccione, Castellalto – TE) e Donkey Beer (Atri – TE) .. ma vorrei fare anche i nomi di Fontedellatte (Contrada Scalepicchio, Teramo), Terre d’Acquaviva (Fontanelle, Atri – TE) e non ultima la beer firm Beer Inspired (Morro d’Oro – TE) .. con la sua interessante coltivazione, sperimentazione e commercializzazione di luppoli presso l’azienda agricola Babilhop di Atri» ..

Oggi alle spine troviamo le loro Blond Out (Golden Ale) e O.U.T. Citrus (American Pale Ale) .. e abbiamo pure avuto modo di scambiare due chiacchiere con Antonio Ferretti e Alessia Limone ..

L’impianto mescita di questo locale (10 vie) è stato realizzato da Gianni Caterini di Officine Birra .. realtà molto nota anche fuori regione per ciò che riguarda appunto l’ideazione, installazione e manutenzione di impianti di spillatura ..

Ci sono 6 vie ad aria compressa e 4 a carboazoto. Cella frigo con temperatura fra gli 8 e i 10 gradi .. e 4 vie che vengono ulteriormente “abbattute” dal classico bagno di acqua fredda, per quegli stili di birra che necessitano di temperature di servizio più basse ..

È una serata che va da sola .. in totale relax. Arriva il Birramisù. Si stappa una Oude Geuze Vandervelden 135 di Oud Beersel. E quando il grosso della gente è andato via, i padroni di casa ci raggiungono al tavolo. Elio e Antonella. Tanto diversi quanto complementari ..

«Mangiato bene? La prossima volta dovreste provare il mio risotto alla birra» .. ci dice la compagna di Elio. «Ve lo dice una che è diventata cuoca quasi per caso! Ero dai miei parenti a Bari .. e ricevo la chiamata di questo qua (Elio). Vieni che in cucina ci sono problemi .. e ho parecchie prenotazioni! Ma .. vieni quando? Vieni ora. È andata così .. e in cucina ci sono per giunta rimasta. Lavoro impegnativo ma gratificante .. e abbiamo fatto pure un figlio» ..

La Pecora e il Luppolo: birra e arrosticini, tra Gran Sasso e riviera. La veranda panoramica. La buona cucina di Antonella ..

[siba: best indi!]

Tags

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close