Friuli Venezia GiuliaSIBA on Tour

Taverna ai Mastri d’Arme – Trieste: il valore si dimostra sul campo di mescita ..

 

“La mia anima è a Trieste” .. scriveva J. Joyce in una lettera alla moglie, all’inizio del secolo scorso. A più di cento anni di distanza sarà difficile lasciarci anche la nostra in così poco tempo (una sosta di meno di 24 ore) .. ma proveremo almeno a conoscere i pub più rappresentativi di questa città, fra cui sicuramente gli “impavidi maestri d’armi” di cui abbiamo sentito da più parti raccontar le “gesta” ..

Taverna ai Mastri d’Arme, in Via di Tor Bandena, appena alle spalle di Piazza della Borsa .. e quindi a un tiro di schioppo dall’ancor più nota Piazza Unità d’Italia. Stamane (10/07) eravamo a Ljubljana. Poi lo spostamento a Trieste. C’abbiamo messo di più a trovare parcheggio e recuperare le chiavi del nostro monolocale per una notte ..

La calura del primo pomeriggio non perdona, ma alle 17:30 (pre-apertura) siamo comunque in “Taverna”: aria condizionata, il supporto d’una birra dissetante e fatta “a modo” (Jubiläums, Festbier di Hummel-Bräu) e il piacere di scambiar due chiacchiere con dei valenti “maestri d’armi”.
Sapevamo già di non trovare i titolari (Elio e Michaela), ma Riccardo e Alessio sono comunque a pieno titolo della squadra: vincente ..

Elio Amato e Riccardo Montanari si trovano per la prima volta insieme ad Azzate (Varese), all’Università della Birra del compianto prof. Franco Re. Poi le strade si separano: il primo parte con la “Taverna” l’11/10/2010, mentre il secondo ritorna dalle parti di casa con il suo Marduk Pub, a Iano di Scandiano (RE) ..

Nel 2013 la svolta, con l’idea di portare avanti un progetto comune e affinare ancor più .. le armi (e soprattutto le birre). Sicché Riccardo raggiunge l’amico a Trieste, per ripartire appunto assieme dalla Taverna ai Mastri d’Arme. Il locale è già avviato ma c’è la volontà di fare ancor meglio e, come di frequente accade, l’unione fa la forza e a volte anche il successo (con le persone giuste) ..

L’esperienza sul campo porta a scelte autonome e mirate, con approvvigionamenti sempre più spesso diretti e rapporti consolidati con un gran numero di birrifici (gli appuntamenti periodici nel pub con i tanti amici birrai vanno proprio in questa direzione) ..

In effetti qui nulla è lasciato al caso, basti dare uno sguardo al modo in cui è tenuto l’impianto di 6 spine + 2 pompe inglesi .. e quella cella frigo appena alle spalle del banco-mescita, autentico “polmone” di un progetto con la “P” maiuscola ..

Dai “Mastri” si va alla grande. Inequivocabilmente. Il nostro interlocutore parla con passione e competenza, presupposti indispensabili per poter superare ogni sfida. Del resto .. è la vita dei maestri d’armi: “personaggi che si sono distinti per le abilità e il coraggio nei campi di battaglia, in un periodo in cui era possibile emergere solo grazie al proprio valore” (come si legge sul “menu-manifesto” del locale) ..

E in questo “casotto” di mondo in cui viviamo, pare che un periodo simile sia ritornato in auge anche o soprattutto in campo birrario. Niente compromessi. Niente sconti. Il valore si dimostra sul campo. Di battaglia. Di mescita ..

[siba: best indi!]

Tags

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close