Emilia RomagnaSIBA on Tour

“Birre Astrali” in Via Castiglione. A Bologna l’Astral Beers diventa pub ..

 

È stato uno dei più forniti e apprezzati beershop – non solo di Bologna – sin dalla sua apertura del 15/11/2011, in Via Porrettana 35 .. ma era giunto evidentemente il momento di spingersi oltre, per andare a cimentarsi con un vero e proprio locale di mescita ..

L’Astral Beers diventa pub il 5/05/2017, migrando al 13/b di Via Castiglione .. con Antonio Grillo che affianca Roberto Astolfi in questa nuova avventura ..

Progetto nuovo .. ma il nome comunque rimane, anche per non disperdere l’ottima reputazione di cui ha goduto il beershop ..

«Chiudere in Via Porrettana non è stata una decisione semplice» .. ci dice Roberto. «Il lavoro di questi anni mi ha dato parecchie soddisfazioni, ma volevo comunque fare un passo avanti .. e sarebbe stato complicato rimanere impegnati su entrambi i fronti» ..

L’Astral Beers è stato molto più di un “semplice” negozio di birre. Un’indiscussa qualità e varietà nell’offerta in bottiglia (oltre al prezioso materiale per l’homebrewing) .. ma anche i tanti frequentatori che si intrattenevano a bere (seppure in bicchieri di plastica), le numerose iniziative a tema (alla presenza di birrai ed esperti del settore) .. e soprattutto la capacità del titolare di coinvolgere amici e clienti nella conoscenza e nella scelta ..

«Questa mia passione ha avuto inizio una decina di anni fa .. girando per locali, in compagnia di amici. Ti fai sorprendere più o meno casualmente da una birra ‘nuova’ .. e allora ti informi, capisci che è tutta un’altra storia .. e non ne esci più» .. prosegue Roberto. «Fu così che iniziai a fare birre in casa, per poi maturare l’idea di aprire un beershop .. ispirato nella scelta del nome da un album di Van Morrison dal titolo Astral Weeks. Quel disco mi aveva folgorato .. e pensai potesse essere di buon auspicio anche per delle ‘birre astrali’» ..

Il calabrese Antonio Grillo si laurea in Scienze Biologiche all’Università di Bologna .. e al pari del suo attuale socio si appassiona a questo mondo .. mettendo a disposizione i suoi studi e l’esperienza da homebrewer nella realizzazione di progetti in conto terzi (vedi ad esempio Birra dei Diamanti di Ferrara), iniziando anche a collaborare – per l’area Romagna – alla Guida alle birre d’Italia di Slow Food. «Se volessi individuare uno dei momenti di svolta di questa mia avventura, ci metto sicuramente la partecipazione a un corso di Daniele Fajner (‘esperto di birre’ e docente Slow Food) su come produrre la birra in casa» ci dice Antonio ..

Locale non distante da Piazza Maggiore, in una zona per lo più priva di “alternative interessanti”. Far tutti i portici di Via Castiglione, per fermarsi poco prima dell’incrocio con Via Farini. L’Astral Beers Pub si sviluppa in un unico ambiente, tanto sobrio quanto incisivo nella sua essenza. Un adeguato numero di tavoli e posti a sedere, gli sgabelli a ridosso del bancone in legno, le lavagne che aggiornano su birre e cucina ..

Impianto mescita da sei spine più una pompa inglese. Fissa la Tipopils di Birrificio Italiano .. e il resto “gira”. Una via è solitamente riservata alle acide, due per dolci/maltate, altrettante per amare/luppolate .. infine l’Angram, per stili appropriati. La bottiglieria conta un centinaio di referenze, con menzione particolare per Sour Ale e fermentazioni spontanee ..

«L’Astral Beers da beershop è diventato pub .. ma il fine ultimo è comunque lo stesso: fare cultura birraria, incentivando a conoscenza, consapevolezza, partecipazione e condivisione» .. tengono a sottolineare i due soci. «Il bancone di un pub è un posto unico per entrare in confidenza con l’avventore, ma continueremo anche con i corsi e le serate degustazione. Per gli appassionati di homebrewing c’è sempre l’Astral Beers Grand Prix, arrivato alla 5^ edizione. Le prime quattro si sono tenute al beershop, con tappa unica. Quest’anno gli appuntamenti sono tre (ognuno dedicato a un particolare stile di birra) .. e per il vincitore ci sarà in premio una produzione one shot da Birra Bellazzi (San Lazzaro di Savena – BO)» ..

Idee chiare. Competenza. Metodo. Nel tempo della chiacchiera ci sono passate di mano una “Pale” (a pompa), APA di Marble e una “BamBelg”, Belgian Rauch di Hilltop/Pork’n’Roll (malti affumicati di Bamberga e lievito del Belgio) ..

Last but not least .. tapas, insalate, panini, taglieri e “piatti unici” .. dal lunedì al venerdì anche a pranzo. E a noi piacciono molto i locali birrari che riescono ad aprire anche a pranzo! 🙂

Che sia pranzo o meno .. all’Astral Beers Pub ci torneremo volentieri, per una sosta ancor più slow e significativa ..

[siba: best indi!]

Tags

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close