PugliaSIBA on Tour

Amarillo 34: il luppolo americano ha attecchito anche a Foggia ..

 

L’Amarillo è una varietà di luppolo americano considerato ambivalente .. e per questo utilizzabile – per lo più nella produzione di birre particolarmente luppolate, come American IPA ecc. – tanto “in amaro” (bassi livelli di coumulone e Alfa Acidi 8-11%) quanto “in aroma” (elevati livelli di mircene) .. con quell’inconfondibile profilo citrico-agrumato, impreziosito da sfumature speziate e floreali ..

Erano gli inizi degli anni 90 quando Darren Gamache scoprì casualmente questa pianta di luppolo selvatico, con i suoi piccoli coni dalle tonalità giallognole .. e il resto è storia. È la storia del VGXP01, sigla con cui l’Amarillo (“giallo” in lingua spagnola) venne brevettato nel 2003 dalla Virgil Gamache Farms Inc. di Toppenish, nello Stato di Washington ..

Dagli Stati Uniti all’Italia, anzi alla Puglia .. per una storia molto diversa, quanto comunque legata da un comune denominatore: l’Amarillo. Siamo a Foggia, nella centrale Via Dante Alighieri .. e ad accoglierci c’è il titolare di Amarillo 34 – Beershop, Edoardo Bardin. «A 15 anni già assaggiavo le prime birre ‘strane’ (Belgio, UK) che mio fratello portava da Firenze .. il che è tutto dire (ride). Poi iniziai con l’homebrewing .. quando farsi la birra in casa era molto più complicato di oggi, per la difficoltà di reperire informazioni e materie prime. Con l’Amarillo ci ho fatto la mia prima IPA .. e fu subito feeling. Tempo dopo mi spinsi anche oltre, chiamando con questo nome il mio nuovo beershop» ..

Ambiente piccolo, con poche sedute tra l’interno e l’esterno. Bottiglie un po’ ovunque, distribuite tra scaffali e frigoriferi. Le tre vie alla spina – con gradita opzione mescita in bicchieri di vetro – fanno di questo posto un locale birrario a tutto tondo ..

«Inizialmente pensai di aprire un microbirrificio, ma alla fine la spesa mi scoraggiò .. e venne l’idea di Amarillo 34 – Beershop, che inaugurai il 20 aprile 2013. Mi piaceva quel nome ed ero legato a quel luppolo con cui avevo dato vita alla mia prima India Pale Ale. ‘34’ erano invece i miei anni di allora .. per segnare in qualche modo uno spartiacque tra un prima e un dopo. Tra l’agente assicurativo che ero stato dal 2006 al 2012 .. e il mio nuovo progetto di vita a tu per tu con le birre. Stavolta non solo per hobby, ma anche per lavoro» prosegue Edoardo ..

È un caldo e assolato pomeriggio di giugno, con diverse ore di viaggio alle spalle (e altre a venire). Abbiamo inequivocabilmente sete .. e una fresca e fragrante Ritual Pils di Ritual Lab (Formello – RM) è quanto di meglio si possa chiedere. Il locale inizia a movimentarsi, ma la chiacchiera in qualche modo continua ..

«Da queste parti sono stato il primo a provarci .. e questo da un lato penalizza, ma dall’altro può dare un vantaggio. All’inizio non è stato facile, però evidentemente ho seminato bene .. e nel gennaio 2015 ho anche deciso di partire con la distribuzione. Oggi ho 300 mq. di magazzino, tenuto in parte a temperatura costante .. mentre per le consegne utilizzo un furgone refrigerato. E se importanti birrifici italiani come Hammer, Mastino, Ritual Lab, Lariano e Cagliari hanno scelto Amarillo 34 per la distribuzione dei loro prodotti, ciò è pure dovuto all’attenzione che ci metto nel fare questo lavoro» ..

Novità in arrivo anche per quanto riguarda il locale, perché a breve (probabilmente già da settembre) Amarillo 34 – Beershop raddoppierà gli spazi, puntando per lo più su una piccola cucina. La peculiarità del progetto è che gli ambienti (uno in affitto, l’altro acquistato) rimarranno comunque separati ..

Abbiamo sempre avuto un particolare rispetto per i pionieri di questo Movimento. In Puglia, Edoardo Bardin è uno di questi. Vent’anni fa con le sue birre fatte in casa .. più tardi col suo Amarillo 34, beershop e distribuzione, in una provincia rimasta piuttosto indietro sull’”argomento”. «Le insidie sono sempre dietro l’angolo, ma a più di sei anni dall’inizio di questo lavoro mi sento di poter dire d’aver vinto la scommessa .. non fosse altro che anche grazie ad Amarillo 34 oggi a Foggia ci sono locali che hanno deciso di puntare sulla birra artigianale e sulla cultura del buon bere. La strada è ancora tanta, ma indietro non si torna» ..

[siba: best indi!]

 

Tags

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close