SIBA on TourToscana

Diorama: il piccolo-grande pub di Via Pisana, a Firenze ..

Non è né un plastico né un modello tridimensionale .. semmai una “rappresentazione in scala ridotta”. Il Diorama non è un diorama, ma qualcosa in comune c’è ..

Rione Pignone .. “diladdarno” a Firenze. Al Diorama di Via Pisana ci mancavamo da un pezzo. Dietro al banco troviamo Alessandro. Arriverà anche il Bertelli. «Il nostro in effetti è un locale abbastanza piccolo. Un pub ‘in scala ridotta’ .. quasi come un diorama. Ma la scelta del nome è stata molto più semplice: ci piaceva e basta. ‘Suonava’ bene» ..

Daniele in passato ha fatto l’orafo (!), ma ha pure lavorato come cameriere. Nel 2003 prende il diploma AIS (Associazione Italiana Sommelier), scoprendo in seguito anche il neonato mondo della birra artigianale ..

«Tutto iniziò a una delle passate edizioni del ‘Taste’ – il salone dedicato alle eccellenze del gusto – in Stazione Leopolda. Ci ero andato per il vino, ma mi lasciai incuriosire da un corner di birre che non avevo mai visto (di Brùton, Birra del Borgo, Ducato ecc.) .. e dietro a quel corner incontrai per la prima volta Nicola Utzeri (da poco partito con il web-magazine fermentobirra.com, prima ancora che diventasse un vero e proprio network dedicato alla birra di qualità). A Nicola chiesi successivamente una mano per inserire questi ‘nuovi’ prodotti al Public House 27, che avevo già aperto in Via Palazzuolo (di cui son tuttora socio) .. e questo fu il primo passo» ..

E il secondo? «Il secondo venne un po’ dopo .. quando maturai l’idea di aprire un altro locale, completamente incentrato sulle birre artigianali. Inizialmente pensai a un official dealer BrewDog, ma le condizioni contrattuali non mi sembrarono gran che favorevoli. Passò ancora un po’ di tempo .. e poi arrivò il Diorama, inaugurato con Irene (Bigagli) e Alessandro (Marucelli), il 15 febbraio 2014» ..

Un piccolo pub. Meglio ancora, un gran bel pub in un piccolo ambiente .. con impianto mescita a sei vie e una pompa inglese. Presenza fissa per la storica Saison Dupont .. e il resto “gira”. Nelle proposte di oggi, ancora molto evidente il recente tap takeover con Hop Skin (Curno – BG). Particolarmente interessanti le circa 100 referenze di birre in bottiglia e lattina, disposte nei frigo .. con un gran numero di fermentazioni spontanee e sour ale in genere ..

Consolidata collaborazione col Birrificio Badalà di Montemurlo (PO), per la realizzazione di alcune “home beers” .. come l’IPA “Amara Maionchi” e la Brown Ale “one shot” natalizia “Beernadette”, fatta con aggiunta di una piccola dose di acqua benedetta (!?!), che arrivò direttamente da Lourdes (quando dici il marketing!) ..

La cucina (con canna fumaria) è un altro punto fermo del locale .. con alternanza di piatti tipici toscani (come ribollita, pappa al pomodoro e trippa alla fiorentina), alcune proposte decisamente “pub-oriented” (hamburger, cheeseburger, hot dog e panini) .. e l’originalità di un menu interamente dedicato al ramen giapponese, di cui oggi abbiamo gustato la versione dei tagliolini di semola con salsa shoyu, frittata, prosciutto cotto, pomodori, cetrioli, cipollotto fresco e sesamo ..

Altra peculiarità gastronomica toscana è il lampredotto (il quarto stomaco dell’agnello .. trattato, lesso e insaporito in brodo o sugo, con spezie e odori) .. che Daniele propone sia in Via Pisana che in giro per vari festival birrari a cui partecipa (come al “Birrai Eretici” di Bologna e all’“Arrogant Sour Festival” di Reggio Emilia) ..

Bertelli e soci sono anche fra gli organizzatori dell’imminente Birrodromo (negli anni scorsi era il Beer Craft Arena) .. che dall’11 al 13 ottobre porterà al Velodromo delle Cascine nove birrifici italiani, affiancati da corner dedicati allo street food, un mercatino vintage, musica live – dj set .. e l’opportunità per i cicloamatori di fare qualche giro di pista con la propria bicicletta (!) ..

Un po’ pub un po’ “beerstrot”, il Diorama di Firenze è da tempo un locale di “mescita e ristoro” molto apprezzato .. così come stimati sono i padroni di casa, non solo per la competenza, ma anche per i modi di fare mai “strillati” (che di questo periodo vanno molto di moda, ancor più sui social media), seppure di grande “sostanza” ..

Il concetto di pub si è evoluto. Il Diorama ne è la sua versione più intima e rilassata, che ti fa sentire nel posto giusto, in una delle città sempre e comunque più belle d’Italia ..

[siba: best indi!]

Tags

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close